domenica 19 febbraio 2017

Recensione "La ragazza dai fiori di vetro" di Tilar J.Mazzeo


Libro La ragazza dei fiori di vetro Tilar J. Mazzeo

Autore: Tilar J. Mazzeo

Editore: Piemme
Collana: Piemme voci
Anno edizione: 2017
Pagine: 336 p. , Rilegato
32° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Storia e archeologia - Storia - Specifici eventi e argomenti - Genocidi e pulizia etnica
EAN: 9788856638158
Prezzo epub: 9,99 cartaceo: 18,50
Nell’autunno del 1943, nella Polonia occupata dai nazisti, e forse in tutta Europa, non esisteva un posto più spaventoso di quello: il quartier generale della Gestapo a Varsavia.

Erano ormai migliaia i nomi scritti su sottili cartine da sigaretta. Una lista di oltre 2.000 nomi di bambini ebrei con accanto le identità false che li avrebbero salvati. Da quando i nazisti avevano creato il ghetto di Varsavia, Irena aveva convinto i loro genitori ad affidarglieli per nasconderli presso famiglie cattoliche o conventi in tutta la città e la campagna. A guerra finita l’archivio, come lo chiamava lei, sarebbe servito a restituire ai bambini la loro identità. Pochissime persone erano al corrente dell’esistenza di quelle liste, erano informazioni troppo pericolose da condividere. Il giorno in cui viene prelevata e condotta al quartier generale della Gestapo di Varsavia, Irena è terrorizzata. Nell’autunno del 1943, nella Polonia occupata dai nazisti, e forse in tutta Europa, non esisteva un posto più spaventoso di quello. Tutti sapevano cosa succedeva là dentro, e lei pregava di farcela a reggere alla tortura, di non tradire nessuno. Molte vite dipendevano da lei. I suoi compagni della rete clandestina, il suo amato Adam, anch’egli nella resistenza, tutti i polacchi che offrivano il loro aiuto. E soprattutto i bambini. Solo lei poteva decifrare quegli elenchi e se le fosse successo qualcosa, tutto sarebbe andato perduto. Mentre l’auto si avvicinava alla sua lugubre destinazione, Irena pensava che doveva farcela, l’aveva promesso a quei genitori che erano saliti sui treni per Treblinka con l’unico sollievo di aver messo in salvo i loro figli. Ancora non sapeva che solo quell’esercito di bambini indifesi e nascosti poteva salvarla.


Vedendo a primo impatto questo libro si può pensare che si tratti della solita storia sulla seconda guerra mondiale, ma in realtà non è così. 
"La ragazza dai fiori di vetro" è un libro da due storie che si intrecciano e che si incastrano alla perfezione, con dei salti nel tempo che non fanno altro che spingere il lettore ad essere assetato della storia e deciso a non volerla lasciare ad ogni costo. 
La scrittrice, all' inizio del libro, spiega le circostanze che l'hanno spinta a scrivere di Irena. 
Si trova a Cracovia, dal fratello e dalla cognata, che le raccontano ciò che, una volta, vi era nei pressi di quella zona: il campo di concentramento di Auschwitz. Così inizia un viaggio, per la scrittrice, nella memoria della gente che ha subìto e che vive costantemente nel ricordo delle povere persone uccise in tal violento modo.
Irena è una donna dall'animo rivoluzionista, come suo padre, che salva i bambini ebrei dal ghetto e che scrive su delle cartine i nomi in un codice. 
Una storia nuova perchè vera, scritta alla perfezione in un modo che nessun altro avrebbe potuto fare. Un capolavoro, lo definirei, quindi gli dò 5 stelle stra-meritate.
Ve lo consiglio assolutamente!

Grazie alla Piemme per la copia!

4 commenti:

  1. Questo genere di libri è interessantissimo! Mi piacerebbe leggerlo😆

    RispondiElimina
  2. Sono sempre io, avevo sbagliato profilo 😶😂

    RispondiElimina
  3. Sto rimbambendo+ questo è il mio profilo ufficiale 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se lo leggi! Se ti interessa ho addocchiato una copia usata su Libraccio a 9,99

      Elimina